Gigolò per caso: le recensioni dagli Usa e dall’Italia

gig

Non ho ancora visto Gigolò per caso, la commedia diretta da John Turturro e che vede nel cast John Turturro, Woody Allen, Sharon Stone, Sofía Vergara, Vanessa Paradis, Liev Schreiber, Bob Balaban, M’Barka Ben Taleb, Tonya Pinkins, Max Casella, Michael Badalucco, Aubrey Joseph, Jill Scott e Aida Turturro. Dopo aver letto la nostra recensione, ora tocca ai commenti dei critici Americani e Italiani. Su Rotten, mentre scrivo, la percentuale dei voti positivi è del 58%. Non propriamente un botto. Voi l’avete visto? Vi è piaciuto? Ne riportiamo una: Alessandra Levantesi Kezich – La Stampa: Azzardata l’idea alla base del nuovo film sceneggiato e diretto (quinta regia) dall’attore John Turturro: chissà come gli è venuto in mente di impersonare – lui che di certo non possiede il fascino felpato del memorabile American Gigolo Richard Gere – una figura di amante prezzolato? Sia pur Gigolo per caso, sia pur Fading (sfiorito) Gigolo come sottolinea il titolo originale? E non finisce qui. Pensare a Woody Allen per un ruolo di pappone è di per sé lunare, ma ancor più lunare è che il grande cineasta, notoriamente restio a recitare in pellicole altrui, abbia accettato la proposta, arrivata a quanto si dice su mediazione di un barbiere in comune. In ogni modo, considerato il risultato, Woody ha fatto bene a concedere fiducia al collega: il personaggio che si è costruito addosso, collaborando senza firmarlo al copione, è uno dei suoi migliori; e forma coppia ben assortita con lo schivo protagonista che Turturro, in omaggio alle sue origini, ha ritagliato nel registro di un’italianità accattivante e mai banale (…) Gigolo per caso è una deliziosa piccola commedia, impregnata di garbato umorismo e soffusa di gentilezza d’animo.

Articolo tratto da www.cineblog.it

Annunci

Monuments Men: la recensione del film di George Clooney

mm1
Ecco la storia di come un gruppo di appassionati d’Arte, per conto degli Stati Uniti d’America, riuscì a recuperare buona parte del patrimonio artistico sottratto dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Monuments Men segna il ritorno alla regia di George Clooney, che firma anche la sceneggiatura. Tratto da una storia vera. È la prima cosa che si legge non appena le luci si spengono e lo schermo è ancora nero. Vera ed anche per questo ancora più accattivante. Nella Seconda Guerra Mondiale gli Stati Uniti inviarono infatti un gruppo di studiosi, professori ed esperti d’arte in Europa. Missione? Preservare il patrimonio artistico sparso per il Vecchio Continente mentre imperversano bombardamenti da ogni parte. Un soggetto niente male, che però si presta inevitabilmente a discorsi dall’appeal meno incisivo. Deriva alla quale George Clooney scientemente approda, lasciando naufragare cotanta premessa in quella scogliera costellata di incensamenti e trionfalismi tipici di un certo cinema specifico. D’altronde Clooney è uno di quelli che predilige il taglio classico: un tradizionalista oseremmo dire. E non che questo sia di per sé un male. I nodi spuntano nel momento in cui ci si concede alla visione ed allora hai il sentore che qualcuno te la stia facendo sotto gli occhi: credi di stare assistendo all’ennesima impresa tutta stelle e strisce quando in realtà c’è dell’altro, c’è di più. È il tripudio delle stelle e delle strisce! La vecchia/nuova frontiera dell’autoesaltazione come solo dall’altra parte dell’oceano la sanno costruire. Eppure, ci ripetiamo tra noi e noi, nulla di così limitante qualora lo spettacolo fosse quantomeno godibile ancor prima che denso di spunti. Perché Monuments Men si pone l’obiettivo di intrattenere sopra ogni altra cosa, rivolgendosi dunque ad un pubblico che sa di poter coccolare senza troppi fronzoli.  Il tormentone relativo alla pessima pronuncia francese di Matt Damon resta senz’altro la cosa più riuscita, così come altre divertenti uscite nelle quali si avvicendano un po’ tutti, da Murray a Goodman, passando per Balaban. Sprazzi per lo più, che però non fanno mai registrare alcuna impennata. Perché il film scorre fino alla fine, lasciandoti nella migliore delle ipotesi indifferente. In maniera inspiegabile, o se non altro poco giustificabile, perché a Monuments Men non mancava nulla in premessa per potere quantomeno funzionare. Ed invece non funziona, dalla prima all’ultima inquadratura.

Articolo tratto da www.cineblog.it